logo
image-467

Spuntini e Merende

12/05/2017, 16:17

nutrizione, alimentazione, anziano, digestione



L’alimentazione-equilibrata-nell’anziano


 Nei soggetti anziani si ha una ridotta capacità di digerire gli alimenti che porta ad una diminuzione dell’assorbimento degli stessi



Rispetto ad un soggetto giovane, l’anziano ha un dispendio energetico ridotto (circa del 20-30%) dovuto alla riduzione dell’attività fisica e del metabolismo basale.

Qualitativamente parlando l’alimentazione non dovrebbe essere troppo diversa da quella dei giovani, ma solitamente nei soggetti anziani si ha una ridotta capacità di digerire gli alimenti che porta ad una diminuzione dell’assorbimento degli stessi e una maggiore difficoltà nella digestione con un aumento del rischio di mal nutrizione.

E’ ancora più importante in questa fascia di età non abusare con il sale e con cibi ricchi in grassi saturi come i formaggi, gli insaccati e le carni grasse.

Sono consigliate quindi proteine ad alto contenuto biologico come il pesce (anche surgelato), il latte parzialmente scremato o intero diluito in acqua. Fare pasti piccoli e frequenti per non appesantire la digestione che come scritto, è rallentata.

In ultimo l’acqua, fondamentale in tutte le fasce di età ma soprattutto in questa, vista la ridotta sensazione della sete e considerando l’insufficiente risposta ormonale alla disidratazione , che rende gli anziani maggiormente a rischio.


1
image-619

Dott.ssa Marta Marini Padovani


Biologo Nutrizionista

Create a website